i2Sicurezza
Servizi per la sicurezza sul lavoro

Prevenzione incendi

PREVENZIONE INCENDI

La prevenzione incendi occupa uno spazio fondamentale nell'ambito della sicurezza aziendale, nell'ottica della salvaguardia della vita umana, dell'incolumità delle persone e della tutela dei beni e dell'ambiente. I nostri professionisti hanno esperienza ventennale nell'ambito della progettazione finalizzata all'ottenimento del Certificato di Prevenzione Incendi e nell'impiantistica di sicurezza a servizio degli edifici; gli stessi risultano iscritti negli elenchi del Ministero dell’Interno ai sensi del D.Lgs. 08/03/2006, n. 139, ai fini delle certificazioni e dichiarazioni attestanti la conformità delle attività alla normativa di prevenzione incendi.

SERVIZI OFFERTI

  • consulenze, servizi tecnici specializzati e supporto tecnico per adempimenti legati alla prevenzione incendi:
  • progettazioni per attività soggette ai controlli di prevenzione da parte dei VVF ai sensi del DPR 151/2011
  • certificazioni e asseverazioni ai fini del rinnovo periodico di conformità antincendio
  • progettazione di impianti idrici antincendio a idranti, sprinkler, acqua nebulizzata, a saturazione.
  • progettazione di sistemi di evacuazione naturale del fumo e del calore (ENFC) e di evacuazione forzata (EFFC)
  • progettazione impianti di rivelazione automatica di incendio e di segnalazione manuale di allarme
  • progettazione, direzione lavori e assistenza alla scelta di strutture e sistemi di compartimentazione resistenti al fuoco con calcoli e certificazione della resistenza al fuoco
  • Formazione degli addetti antincendio (rischio basso-medio-alto) e relativi aggiornamenti (anche con ottenimento dei requisiti di idoneità tecnica)

Siamo specializzati nella Valutazione Previsionale di Clima Acustico, previste dalla Legge Quadro 447/95, in caso di realizzazione delle seguenti opere:

  • Scuole, asili nido, ospedali, case di cura, case di riposo e parchi pubblici urbani ed extraurbani;
  • Insediamenti residenziali prossimi alle opere per cui è prevista la VIA o la VPIA;

VALUTAZIONE RISCHI ACUSTICI PASSIVI

Siamo competenti per la redazione della documentazione sui Requisiti Acustici Passivi ai sensi del DM 05/12/1997, prevista dalla Legge Quadro 447/95 in caso di richiesta per il rilascio di concessioni edilizie di nuove realizzazioni, modifiche e ristrutturazioni.

  • Emergenza Coronavirus – Tutte le disposizioni previste dai nuovi decreti

    Sono stati pubblicati il nuovo DPCM 14 Gennaio 2021 e il Decreto-legge in materia di contenimento e prevenzione della diffusione del COVID-19. Si riportano, di seguito, tutte le disposizioni previste dai decreti.

    DECRETO-LEGGE 14 GENNAIO 2021, N. 2

    Il decreto-legge proroga lo stato di emergenza al 30 aprile 2021 e conferma fino al 15 febbraio 2021 il divieto di spostamento tra Regioni o Provincie Autonome diverse, ad eccezione degli spostamenti motivati da esigenze di lavoro, salute o altre situazioni di necessità.

    Dal 16 gennaio al 5 marzo 2021, inoltre, sono confermate le regole per gli spostamenti tra le ore 05:00 e le 22:00, dai comuni con popolazione non superiore a 5000 abitanti (a prescindere dal colore della Regione) e degli spostamenti di massimo due persone, una volta al giorno verso una sola abitazione privata, in ambito regionale se area gialla o comunale se la Regione è classificata come area arancione o rossa.

    DPCM 14 GENNAIO 2021

    Il DPCM 14/01/2021 firmato dal Presidente Conte, in vigore dal 16 gennaio fino al 5 marzo 2021, conferma tutte le misure restrittive presenti nei decreti precedenti e introduce le disposizioni che si riportano di seguito:

    • Apertura al pubblico di musei e altri istituti e luoghi di cultura per le Regioni classificate in area gialla, nel rispetto delle linee guida adottate dalle Regioni. L’apertura è assicurata dal lunedì al venerdì, con esclusione dei giorni festivi, a condizione che, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali nonché dei flussi di visitatori ( più o meno di 100000 l’anno), siano garantiti il contingentamento degli ingressi e modalità per evitare assembramenti e consentire il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro. I musei resteranno chiusi nelle aree arancioni o rosse, ad eccezione delle biblioteche con servizi su prenotazione e degli archivi;
    • Per le attività di bar con attività prevalente identificata dai codici ATECO 56.3 (Bar e altri esercizi simili senza cucina) e 47.25 (Commercio al dettaglio di bevande in esercizi specializzati) è consentito effettuare il servizio d’asporto fino alle ore 18:00, a prescindere dal colore di classificazione regionale. Per le restanti attività di ristorazione invece, l’asporto è sempre consentito fino alle ore 22:00;
    • Introduzione della “area bianca”, nella quale si collocano le Regioni con un livello di rischio “basso” e una incidenza dei contagi, per tre settimane consecutive, inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti. Nell’area bianca le attività si svolgono secondo specifici protocolli, non si applicano le misure restrittive previste dai DPCM per le aree gialle, arancioni e rosse ma possono comunque essere adottate, con DPCM, delle misure restrittive specifiche per le attività particolarmente rilevanti dal punto di vista epidemiologico.

    Si ricorda la possibilità di visitare il sito del governo con le FAQ relative a tutte le misure predisposte per le aree gialle, arancioni e rosse. Riportiamo, di seguito, un'infografica che indica le disposizioni in vigore per le diverse aree:

     

    Si specifica inoltre che, a seguito dell’ordinanza del Ministero della Salute del 16 gennaio 2021, la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia è stata classificata “area arancione”, per cui valgono delle disposizioni più restrittive. 

    Anche la Regione Veneto è classificata nei territori "arancioni", leggi la nostra news!

    Per conoscere più in dettaglio tutte le misure previste per la tua attività, contattaci: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | tel. 0421 276274

  • Emergenza Coronavirus – Pubblicati i chiarimenti del Veneto sulla zona arancione

    A seguito dalla classificazione della Regione Veneto nell'area arancione (leggi la nostra ultima news), la Regione stessa ha pubblicato dei chiarimenti sulle misure restrittive previste.

    Si segnala il chiarimento in merito alla possibilità di spostarsi fuori dal proprio Comune per raggiungere un servizio quale estetista o parrucchiere. Si riporta di seguito il chiarimento completo:

    D: "Ci si può spostare fuori comune per recarsi presso esercizi di estetista o parrucchiere?"

    R: "No, se nel comune di residenza esistono e sono disponibili in tempi adeguati (es. una settimana) esercizi di questo tipo. La “fiduciarietà” del rapporto tra cliente ed esercente non costituisce elemento che la normativa (v. art. 2, comma 4, lett. b), DPCM 3.12.2020) considera tale da giustificare l’uscita dal comune."

    Viene chiarito, quindi, che non è possibile spostarsi fuori dal proprio comune per raggiungere un servizio quale parrucchiere o estetista, se il servizio è presente nel proprio comune ed è disponibile in tempi adeguati. In caso contrario, ovvero se il servizio non c'è nel comune in cui si vive o comunque non c'è la disponibilità in tempi adeguati, sarà possibile effettuare lo spostamento, giustificandolo mediante autodichiarazione scaricabile qui.

    Non esitare a contattarci se vuoi ottenere ulteriori chiarimenti per la tua attività: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  | tel. 0421 276274

  • Emergenza Coronavirus – La Regione Veneto è classificata zona "Arancione"

    A seguito della pubblicazione dell'ordinanza del Ministero della Salute del 8 gennaio 2021, la Regione Veneto è stata classificata come zona "arancione".

    Le misure restrittive previste dal DPCM 3 dicembre 2020 per i territori arancioni, saranno valide dal 10 gennaio al 15 gennaio 2021.

    Si ricorda che l'appartenenza ai territori arancioni comporta, tra le diverse disposizioni in vigore, la chiusura di bar e ristoranti (fatta salva la possibilità di effettuare il servizio d'asporto fino alle 22 e a domicilio) e il divieto di spostarsi fuori dal proprio Comune e Regione salvo che per comprovati motivi di lavoro, salute, studio e necessità.

    Resta comunque valida la possibilità di spostarsi dai Comuni  con  popolazione  non superiore a 5.000 abitanti e per una  distanza  non  superiore  a  30 chilometri dai relativi confini, con esclusione in  ogni  caso  degli spostamenti verso i capoluoghi di Provincia.

    Per comprendere quali sono tutte le misure restrittive previste per le aree arancioni, rimandiamo alla nostra news.

    Se vuoi maggiori informazioni, contattaci: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | tel. 0421 276274

  • Emergenza Coronavirus – Tutte le disposizioni in vigore dal 7 al 15 gennaio 2021

    Con la pubblicazione del Decreto-legge 5 gennaio 2021, n. 1, sono state introdotte delle nuove disposizioni in materia di contenimento e gestione dell’emergenza da COVID-19 per i giorni post-festivi dal 7 al 15 gennaio 2021.

    Il decreto prevede per le diverse giornate, delle misure restrittive che si basano sugli scenari di rischio (area gialla, arancione e rossa) previsti dal DPCM 3 dicembre 2020, ancora in vigore fino al 15 gennaio 2021.

    In attesa di un’ordinanza del Ministero della Salute che definirà la fascia di rischio di ogni singola Regione, le disposizioni in vigore sono le seguenti:

    • Dal 7 al 15 gennaio 2021 è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome, salvi gli  spostamenti  motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di  necessità ovvero per motivi di salute. Resta sempre consentito il rientro alla  propria residenza, domicilio o abitazione;
    • Nei giorni 9 e 10 gennaio 2021, su tutto il territorio nazionale si applicano le misure previste per l’area arancione, ad eccezione  delle  Regioni  cui  si  applicano  le  misure per l’area rossa. In queste giornate restano consentiti gli  spostamenti  dai  comuni  con  popolazione  non superiore a 5.000 abitanti e per una  distanza  non  superiore  a  30 chilometri dai relativi confini, con esclusione in  ogni  caso  degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia;
    • Fino al 15 gennaio, nelle Regioni in cui si applicano le misure previste per l’area rossa, è consentito lo  spostamento, dentro al proprio comune, verso una sola abitazione privata  una  volta  al giorno, nel rispetto del coprifuoco (22:00-5:00) e nei limiti di due persone (oltre ai minori di anni 14 e  alle  persone  disabili  o  non autosufficienti). Inoltre, per  i  comuni  con   popolazione   non superiore a 5.000 abitanti, sono consentiti gli spostamenti come nel punto precedente;

    Si riporta, di seguito, una tabella riassuntiva delle disposizioni previste (salvo nuove ordinanze del Ministro della Salute):

    GIORNI AREA DI RISCHIO (DPCM 03/12/2020)
    7 - 8 gennaio 2021 GIALLA
    9- 10 gennaio 2021 ARANCIONE
    11 - 15 gennaio 2021 GIALLA

    Per conoscere più in dettaglio quali misure sono previste per l'area gialla, arancione e rossa e quali sono le attività produttive che possono rimanere aperte, leggi la nostra news

    Per maggiori informazione contattaci: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | tel. 0421 276274

  • Un aiuto ai sanitari in prima linea contro il COVID-19

    Lo studio i2Sicurezza ha aderito alla campagna promossa da Apindustria Venezia per la raccolta natalizia di donazioni volontarie a favore del COVID Hotel dell’Ulss4 “Veneto Orientale”, struttura che ospita i sanitari impegnati nella lotta contro il Sars-CoV-2.

    L’Associazione delle PMI veneziane, della quale i2Sicurezza fa parte, quest’anno si è fatta promotrice di un’iniziativa solidale, in sostituzione del consueto scambio di doni delle festività natalizie. E’ nata l’idea di promuovere, presso le aziende del territorio, una raccolta di fondi da devolvere a favore dell’Ulss4 “Veneto Orientale”. In dettaglio i fondi raccolti sono stati destinati alle spese di affitto delle camere del COVID Hotel di Jesolo, riservate al personale medico impegnato nel fronteggiare l’emergenza pandemica da COVID-19.

    Condividiamo con voi i ringraziamenti che Apindustria Venezia ha inoltrato allo studio i2sicurezza.

     

     

     

     

Pagina 1 di 13
© Copyright 2021 - i2Sicurezza | Sicurezza sul lavoro e formazione professionale specialistica e finanziata by i2Sicurezza - Created by Fabio Rizzo

Studio i2Sicurezza - Via Zappetti, 20 - 30026 Portogruaro (VE) - P.IVA 02544480276 - Privacy e note legali